Un giro nella Miroglio occupata

La crisi di un’azienda, l’impoverimento del territorio, la paura per il futuro. Duecento operai occupano la fabbrica di Miroglio a Ginosa, duecento operai lottano per il domani. Ecco i video (girati male, pardon) e i loro racconti, il loro lavoro che non c’è più e le pratiche disoneste di chi fa l’imprenditore.

Se siete interessati alla storia di Miroglio, vi segnalo questo bell’articolo di Massimo D’Onofrio pubblicato sul Corriere del Giorno

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=lGNIu8_z0R4]

 

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=xjbJ54ZCnxY]

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

0 thoughts on “Un giro nella Miroglio occupata

  1. Sono stato tra i primi a essere “reclutato” dallo zio Miroglio.Sono stato a Alba a fare il corso/farsa sperando insieme ai miei compagni di avventura di essere utile alla causa.I primi sospetti mi vennero quando ci usarono per scaricare i camion con la roba che arrivava anche dalla vecchia sede piemontese.
    E poi i “caporali del nord” mi sembravano vecchie glorie ss usate da qualcuno per fare soldi alle nostre spalle.
    Per fortuna io ho avuto la possibilita’ di andar via ma visto cio’ che e’ successo i sentori vi erano fin dall’inizio.
    L’unico ricordo bello e’ legato al convitto civico dove eravamo alloggiati.
    Ricordi e conferme:lo sfruttamento continuera’ anche grazie alle convivenze politiche del territorio occupato da questi insediamenti arrivati dal nord,fugacemente vissuti al sud e scappati all’est.
    La parabola del consumismo e della globalizzazione.
    Peccato che le spese le abbiano fatte molte famiglie,con mutui e macchine chissa’ come estinguerli.
    Saluti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *